DANIELE FABIANI

Arrampicante / Climbing, 2018

penna a sfera e vernice spray su carta, legno

Fabiani / Gio. Ant. Zuliani, Incontro / Encounter 1830-2018

vernice spray su carta, legno

Di formazione pittore, Daniele Fabiani esplora il rapporto tra uomo e natura. Durante la residenza si è cimentato in una commistione tra disegno e scultura, trasformando le esigenze di allestimento nell’opportunità di dar vita a un’installazione site-specific secondo un approccio finora mai sperimentato nel suo percorso artistico. Nel corso della residenza, ha esplorato il tema romantico dello spettacolo della natura attraverso la redazione di un “carnet di viaggio” in forma di libro rilegato, la rielaborazione grafica di incisioni del XIX secolo e l’invenzione di forme organiche di ispirazione naturale realizzate a penna sfera su carta. I disegni, ritagliati e incollati tra loro, compongono un’intricata trama floreale in dialogo con la decorazione a soggetto botanico delle pareti della sala. La scelta della sala in relazione alle caratteristiche dei disegni ha determinato la messa a punto di supporti autoportanti per consentirne l’allestimento sulle superfici piane degli arredi. L’interazione con le preesistenze storiche, in particolare una console in stile neoclassico sormontata da un grande specchio, al centro della sala, è divenuto parte dell’intervento artistico, grazie alla concezione di un particolare telaio, realizzato in opera con elementi di legno grezzo, che ingloba e “abbraccia” la struttura senza quasi toccarla. 

Daniele Fabiani nasce nella Valle Camonica nel 1988, dopo il liceo artistico sul lago d'Iseo si laurea all'Accademia di Brera a Milano. Vive e lavora tra Milano e la Valle Camonica.

Copia di danielefabiani6.JPG
Fabiani.jpg